Discussioni sui film usciti al cinema che concorrono agli IOMA 2015 (1 Aprile 2014 - 31 Marzo 2015)
Avatar utente
Di Blue
#301908
kisuykusu.jpg
Il regno d'inverno - Winter sleep
Titolo originale: Kis uykusu

Nazione: Turchia, Francia, Germania
Anno: 2014
Genere: Drammatico
Durata: 196'

Regia: Nuri Bilge Ceylan

Cast: Haluk Bilginer, Melisa Sözen, Demet Akbag, Ayberk Pekcan, Serhat Mustafa Kiliç, Tamer Levent, Nejat Isler, Nadir Saribacak, Mehmet Ali Nuroglu

Produzione: Zeynofilm, Memento Films Production, Bredok Filmproduction
Distribuzione: Lucky Red, Parthenos

Data di uscita: 23 Ottobre 2014

Trama:
Aydin è un attore che, dopo essersi ritirato dalle scene, gestisce un piccolo albergo nel cuore dell’Anatolia insieme alla giovane moglie Nihal, con la quale ha un rapporto difficile e distante, e alla sorella Necla, che ancora soffre per il recente divorzio. D’inverno, mentre la neve inizia a ricoprire la steppa, l'albergo diventa il loro rifugio, ma anche il teatro delle loro lacerazioni...
Avatar utente
Di cirokisskiss
#302773 E' un film maestoso ed estremamente comunicativo seppur inseguendo un certo eccesso di formalismo, che si concede pochi, ma efficaci, guizzi di virtuosismo registico cui Ceylan ci ha ben abituati, svolgendosi per via di una sceneggiatura invulnerabile, perfetta nel suo straripare di dialoghi, incandescente ed incalzante, un lavoro di scrittura magistrale che intreccia sociale e privato con l'aiuto di una teatralità che, con non poca audacia, si fonde al realismo, giungendo ad un risultato fulminante. Dalle parti del capolavoro.
Ultima modifica di cirokisskiss il lunedì 5 gennaio 2015, 21:07, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Di Tyler_Durden
#302777 Inferiore rispetto a C'era una volta in Anatolia. Un film comunque godibile, che vince la sfida sulla mastodontica durata. Non è, infatti, un film pesante, anche se qualcosa di insensato nella sceneggiatura (vedi rapporto con la moglie) c'è. Solita ammaliante fotografia.
Avatar utente
Di Blue
#303211 Concordo con Tyler, meno coinvolgente del precedente.
Però è scritto benissimo, la descrizione di questa sorta di spleen del nucleo benestante protagonista è riuscitissima (a tal punto da renderli irritanti, si arriva tranquillamente a diprezzare la loro altezzosità ed indifferenza alla realtà, rinchiusi nella loro torre d'avorio impegnati nelle più inutili discussioni ed occupazioni mentre il mondo che li circonda è a pezzi - soprattutto il protagonista maschile, perlomeno sino allo splendido finale ).
Sicuramente è troppo lungo, poteva tranquillamente essere sforbiciato di una bella ora e mezza, ci son due o tre sequenze capolavoriche (perlopiù racchiuse nella parte finale), ma anche tante piuttosto futili.
Grande regia con guizzi notevoli, ottima fotografia e buon cast.

80/100
Iomabilità: film, regia, attpro Bilginer, attrnonpro Sözen, scenegg.nonoriginale, fotografia
Avatar utente
Di FlatEric
#303501 E' vero, la durata non è drammatica, il film scorre per bene, ma effettivamente la sceneggiatura è molto poco densa, la pellicola è ricca di belle scene ma non propriamente utili. Cast di gran livello e i soliti reparti tecnici notevoli di Ceylan.